La Virtus Verona di Gigi Fresco è ripartita per una nuova stagione in serie C

89

Martedì scorso si è svolta la presentazione ufficiale della Virtus Verona 2019-20 che nel prossimo campionato militerà ancora una volta in serie C dopo essere stata ripescata ufficialmente il venerdì prima. Nella splendida cornice dello Sporting Hotel San Felice di Illasi, come già da diverse stagioni, si sono radunati dirigenti, giocatori, allenatori e sponsor rossoblu per presentarsi ai media e ai propri tifosi. Il presidente-allenatore Luigi Fresco, salutando i presenti, ha detto: ”Finalmente è arrivata l’ufficialità della riammissione in serie C. Non meritavamo la retrocessione anche perché, per un periodo del girone di ritorno, siamo stati la squadra professionistica che ha fatto più punti in Italia. E’ incredibile essere retrocessi e pensare che con una vittoria col Ravenna, all’ultima giornata, potevano giocarci i play-off. Sicuramente abbiamo fatto degli errori e proprio da questo, facendone tesoro, dobbiamo ripartire. Quest’anno la C sarà come una B2, vista la presenza di Avellino, Padova, Bari, Modena, Padova ed altre squadre giunte dall’alto”.

“Ora – aggiunge Fresco – siamo pronti a completare l’organico per la serie C 2019-2020 che vedrà al mio fianco in panchina mister Manuel Spinale. Abbiamo un buon gruppo che sarà integrato con dei nuovi acquisti che stiamo trattando, purtroppo non è facile perché la chiusura del mercato è stato spostata al 2 settembre e alcuni giocatori preferiscono aspettare a firmare in prospettiva di una nuova opportunità, magari in categorie superiori. Abbiamo molti giocatori in prova che a breve potranno essere tesserati. Alcuni sono stati riconfermati ed altri no, cosa che che per noi è sempre una spiacevole decisione da prendere. Ringrazio tutti quelli che collaborano con noi, come il vice presidente Vittorio De Paolis, il diggì Diego Campedelli, i direttori sportivi Adriano Zuppini e Matteo Corradini, il team manager e responsabile del sito Gianluca De Rosa, il consulente esterno avv. Luca Bronzato, il dirigente accompagnatore Paolo Zambelli, il dirigente Carlo Franchi, il resp. Scouting Roberto Zurischi, club manager Umberto Quinstelli, il dottor Stefano Angeli e il nuovo dirigente Mauro Annechini, ex Alba Borgo Roma”.

Dopo il presidente Fresco è intervenuto per un saluto il presidente del Comitato Regionale Veneto Giuseppe Ruzza che ha detto: “Saluto e ringrazio dell’invito della società e mi scuso per il ritardo. Vengo sempre volentieri a sentire quello che dice Gigi perchè è una persona che ha sempre idee innovative ed insegna sempre qualcosa. Sono felice che siete stati ripescati in Serie C e vi faccio un grosso in bocca al lupo per la prossima stagione”. Presente anche il consigliere regionale Mario Furlan che ha aggiunto: “Essendo veronese per me venire qui e come tornare in famiglia, vedere la Virtus e come vedere una creatura che si è creata man mano nel tempo, è una società piena di passione e supportata da un ottimo settore giovanile. Grazie per le emozioni che ci date e in bocca al lupo per la prossima stagione”.

Il diggì Diego Campedelli ha detto: “La retrocessione, sono sincero, è stato un duro colpo da digerire. Penso che abbiamo dato davvero tutto lo scorso anno per cercare di rimanere in serie C ed ora siamo qui per riprovarci. Ora dobbiamo guardare avanti ed imparare dagli errori commessi lo scorso anno. La riammissione è stata meritata, ed ora sono molto fiducioso e convinto che possiamo toglierci grosse soddisfazioni, per la gioia dei nostri tifosi che riempiono sempre il nostro“Gavagnin-Nocini” che è stato ulteriormente rinnovato.”

Ha preso poi la parola il direttore sportivo Adriano Zuppini: “Saluto tutti i presenti, vecchi e nuovi arrivati. Quest’anno seguirò molto di più il settore giovanile ma terrò d’occhio anche voi. Ci risiamo, siamo di nuovo nel professionismo, e per essere professionisti bisogna esserlo prima di tutto nella testa, bisogna sempre dimostrare e ogni giorno dare degli esempi positivi alle squadre minori che vi seguono. Bisogna avere rispetto nelle persone vicine, dal più importante al più umile che si adopera per il bene della società. Dovete essere educati e comportarvi bene in campo e fuori perché i più piccoli vi guardano sempre con ammirazione”.

Ora bisognerà creare un buon gruppo con giocatori più esperti e giovani da far crescere e migliore giorno dopo giorno. A tal proposito il presidente Gigi Fresco ha poi presentato i ragazzi aggregati alla squadra, che sono Barranca Francesco (centrocampista, 1998), Boccaccini Matteo (difensore, 1993), Da Silva Victor (attaccante, 1995), Fermo Marco (centrocampista, 2000), Gasperi Matteo (centrocampista, 1997), Pellacani Filippo (difensore, 1998), Pittarello Filippo (attaccante, 1996), Polo Tommaso (difensore, 1998), Visentin Santiago (difensore, 1999). Fanno invece già parte della rosa 2019-2020 Casarotto Stefano (centrocampista, 1996), Danieli Nicola (centrocampista, 1998), Danti Domenico (attaccante, 1989), Giacomel Alessandro (portiere, 1998), Lavagnoli Luca (centrocampista, 1986), Manarin Luca (attaccante, 1995), Merci Edoardo (centrocampista, 1999), Odogwu Raphael (attaccante classe 1991 proveniente dall’Arzignano Valchiampo), Onescu Daniel (centrocampista, 1993), Pinton Matteo (difensore, 1998), Rossi Jacopo (difensore, 1996), Sibi Sheikh (portiere, 1998), Sirignano Ciro Oreste (difensore, 1985) e Vannucci Diego (difensore classe 1988 appena giunto dal Renate).

Dopo la presentazione della nuova stagione è seguito il primo allenamento dei rossoblu fatto come di consueto sulla splendida location in val d’Illasi agli ordini di mister Gigi Fresco e del vice Manuel Spinale (ex capitano del Mantova nel quale ha collezionato oltre 500 presenze tra serie C e B), e del Preparatore Atletico rossoblu, il Prof Gianluca Coghi.

la redazione di www.pianeta-calcio.it (foto Liborio)